Presentazione



In movimento per ecologie, vivere insieme, economia sostenibile, bioregionalismo, esperienza del se' (personal development).

sabato 9 settembre 2017

Il problema dell'inquinamento musicale - "Musica Urbana" di Carla Cuomo - Recensione


Immagine correlata

La società odierna sta sperimentando un fenomeno inedito e pervasivo: la diffusa presenza della musica nell'ambiente urbano, in luoghi pubblici, bar, ristoranti, ipermercati, mezzi di trasporto, piazze, parchi, locali d'intrattenimento al chiuso e all'aperto, dappertutto. Di pari passo, assistiamo a un radicale cambiamento dei modi di produzione, riproduzione e fruizione sonora. 

Questo mutamento trasforma il concetto stesso della musica, che nella realtà urbana è ormai un distillato di tante sonorità diverse, costruite in funzione di un consumo, alla stregua di altri prodotti commerciali, l'invadenza di queste sonorità nei più diversi contesti si configura come vero e proprio inquinamento acustico da musica. 

Ma contro l'aggressione sonora l'individuo è inerme: le orecchie non hanno le palpebre. Il fenomeno presenta aspetti quantitativi e aspetti qualitativi. L'aspetto quantitativo riguarda l'abbondanza di musica diffusa negli spazi urbani, e il culto dell'amplificazione che ad essa si accompagna. L'aspetto qualitativo incide sulle abitudini d'ascolto dell'uomo, e le altera. Soprattutto, l'invadenza della musica diffusa nell'ambiente vanifica il silenzio, momento del riposo, della riflessione, diritto soggettivo inalienabile, ma anche habitat propizio alla buona musica, all'ascolto attento. 

Immagine correlata

Il volume affronta numerosi temi. Il lettore vedrà trattata l'anatomia, la fisiologia e la patologia dell'apparato uditivo; conoscerà le implicazioni giuridiche dell'inquinamento musicale, le nuove frontiere che l'ingegneria e la fisica ci additano per la difesa dal rumore, incontrerà il punto di vista del sociologo, dello psicologo, dell'economista; rifletterà sulle problematiche del "paesaggio sonoro". Attraverso il contributo del pedagogista comprenderà che la difesa dal rumore, e specificamente dall'inquinamento musicale, va affidata a un'educazione musicale che sia vera educazione all'ascolto consapevole, critico e selettivo, più rispettoso dell'essere umano, della convivenza civile, della musica stessa.

Carla Cuomo *
Risultati immagini per * Carla Cuomo

* Carla Cuomo, laureata in Discipline dell'Arte della Musica e dello Spettacolo nell'Università di Bologna con una tesi su "Fedele D'Amico critico e storico". Si è addottorata nello stesso Ateneo in Musicologia e Beni Musicali con una tesi su "Massimo Mila, la musica come pensiero". Si è interessata di problemi dell'ecologia acustica e del rapporto tra uomo e ambiente sonoro. Nell'Ateneo bolognese ha coordinato su questo tema un seminario quadriennale interfacoltà. Si occupa di pedagogia musicale. È pianista e svolge attività concertistica.

"Musica Urbana"  a cura di Carla Cuomo con una prefazione di Giuseppina La Face Bianconi, Bologna, CLUEB 2004, pp. xvi, 296.


1 commento:

  1. Commento ricevuto via Email:

    "Il problema dell’inquinamento musicale è, a mio parere, soprattutto qualitativo, la musica che ci propinano ogni giorno, ovunque, non è musica è rumore, è un’acccozzaglia di suoni, spesso troppo alti e stridenti, che non ha più niente a vedere con la musica. Questa espressione, cosiddetta musicale, dovrebbe essere proscritta e vietata nei luoghi pubblici perché dannosa per l’equilibrio e per la salute. Se si trattasse di pezzi musicali di Vivaldi, di Verdi, di Puccini, di Mozart di Bach o di qualsiasi pezzo di musica classica, personalmente, non avrei niente da ridire, non mi disturba mai, in nessun caso. E’, invece, del tutto inaccettabile oltre che profondamente diseducativo, in particolare per i giovani, che noi, Italiani e Europei, che abbiamo composto la musica più bella che esiste al mondo, dobbiamo consentire di essere aggrediti quotidianamente da rumorate scomposte e disarmoniche che si spacciano per musica."
    Anna Maria Campogrande

    RispondiElimina